La diminuzione delle emissioni di CO2 del 2020 aiuterá a raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi?

L’undicesima edizione dell’Emissions Gap Report stilato dall’UNEP (Programma Ambientale Nazioni Unite), è stato pubblicato di recente. In questo documento vengono analizzate le performance delle emissioni di gas serra a livello globale e quest’anno hanno visto delle differenze dovute alla pandemia in corso.

Ogni anno il rapporto analizza la distanza – il “gap”, appunto – tra le emissioni di gas serra previste al 2030 tenendo conto dei trend più recenti e degli impegni climatici presi dai Governi nell’ambito dell’Accordo di Parigi (i cosiddetti Nationally Determined Contributions – NDC) e i livelli di emissioni che sarebbe necessario raggiungere per centrare gli obiettivi climatici dell’Accordo, mantenendo l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2°C.https://www.youtube.com/embed/1KBpiPUVQO8?feature=oembedEmissions Gap Report 2020: An Inflection Point

Nonostante un breve calo delle emissioni di anidride carbonica causato dalla pandemia, si stima una diminuzione del 7% nel 2020, il mondo si sta dirigendo verso un aumento della temperatura media globale superiore a 3°C durante questo secolo. Ben oltre i parametri posti dall’Accordo di Parigi!

L’UNEP, nella sua analisi, ha spiegato anche gli effetti positivi che si possono avere alla luce della crisi economica innescata dal COVID-19.

Un Green Recovery Plan potrebbe ridurre fino al 25% le emissioni che ci aspetteremmo di vedere nel 2030 sulla base delle politiche in atto prima del COVID-19. Questo supera di gran lunga i risparmi sulle emissioni che sarebbero conseguiti con gli NDC, riportando il mondo verso la strada giusta per evitare l’innalzamento della temperatura sopra alla soglia critica dei 2°C.

Secondo gli esperti, può avvenire soltanto se i governi mettono l’azione climatica al centro dei piani di ripresa dal COVID-19: non basta quindi che gli Stati si assumano l’impegno di raggiungere la neutralità carbonica, ma servono azioni concrete nel breve e medio termine.

Tra le misure concrete ci sono il supporto diretto per le tecnologie e le infrastrutture a emissioni zero, la riduzione dei sussidi ai combustibili fossili, l’impegno a non costruire nuove centrali elettriche a carbone, sensibilizzare e promuovere azioni che rendano la vita di ogni cittadino piú “verde”, con un’attenzione particolare per la riforestazione e la tutela e ricostruzione degli ambienti naturali.

Il numero crescente di paesi che si impegnano a raggiungere il net-zero emission entro la metà del secolo è lo sviluppo più significativo della politica climatica del 2020. Per rimanere fattibili e credibili, questi impegni devono essere urgentemente tradotti in forti politiche e azioni a breve termine e che vengano attuati nei NDC.

Facciamo qualcosa di meraviglioso insieme!

Vorresti entrare nel nostro ecosistema oppure hai un’idea innovativa che potrebbe migliorare le sorti del nostro Pianeta? Scrivici per scoprire cosa possiamo fare insieme.

Contattaci

Ricevi le ultime notizie dal mondo dell'innovazione green.

Ti invieremo soltanto una Newsletter al mese, quindi niente spam ma solo news positive.

Iscriviti